Uno studio mette a confronto la comunicazione delle ONG sulla migrazione

La professoressa Daniela Dimitrova è specializzata in giornalismo internazionale e copertura mediatica globale.
CREDITO
Foto per gentile concessione della Greenlee School of Journalism and Communication/Iowa State University.

AMES, IA – Dal 1970, il numero di persone che vivono al di fuori del proprio paese di nascita è triplicato. La maggior parte dei migranti cerca lavoro o migliori opportunità economiche. Ma milioni cercano di sfuggire alla violenza, alla persecuzione o ai disastri naturali. La loro integrazione in una nuova società dipende spesso da organizzazioni non governative che forniscono servizi e sostengono per loro conto.

Uno  studio recentemente pubblicato  evidenzia come lo specifico contesto politico e culturale di un paese influisca sulla comunicazione delle ONG con il pubblico.

La co-autrice e professoressa dello stato dell’Iowa  Daniela Dimitrova  è specializzata in giornalismo internazionale e copertura mediatica globale. Dice che questo studio si basa su precedenti ricerche con Emel Özdora-Akşak, professore associato presso la Bilkent University in Turchia. Poco dopo lo scoppio della guerra civile in Siria nel 2011, i due ricercatori hanno studiato il modo in cui la stampa in Turchia e Bulgaria riportava la crisi dei rifugiati in corso.

“Abbiamo notato che nel caso della Turchia c’erano molti più riferimenti alle ONG e interviste rispetto alla Bulgaria. Ha suscitato il nostro interesse. Eravamo curiosi di sapere perché ci fosse una tale differenza nella copertura delle notizie”, ha detto Dimitrova.

Dopo aver ricevuto un  incarico di sviluppo professionale della facoltà ISU 2019/2020 , Dimitrova è entrata a far parte di Özdora-Akşak in Turchia per condurre interviste approfondite con professionisti di 22 organizzazioni. Si andava da gruppi locali di base a grandi ONG internazionali. Le 17 interviste dei ricercatori con i professionisti delle ONG in Bulgaria sono state virtuali nel 2020 a causa della pandemia di COVID-19.

Vicini con risposte diverse

Nell’ultimo decennio, la Turchia ha accolto più rifugiati siriani di qualsiasi altro paese, circa 3,6 milioni di persone. Dimitrova ha affermato che il pubblico, il governo e le agenzie di stampa tradizionali in Turchia sono stati generalmente comprensivi e accoglienti quando i cittadini siriani sono arrivati ​​per la prima volta. I due paesi condividono un confine e storie e culture sovrapposte. Sono anche entrambi prevalentemente musulmani.

“All’inizio, i media popolari si riferivano ai rifugiati siriani come ai ‘nostri fratelli e sorelle’. C’è stato molto supporto”, ha detto Dimitrova. “Ma c’è stato un cambiamento palpabile nel tempo. C’erano atteggiamenti più negativi e persino animosità legati all’idea che i rifugiati sottraggono risorse limitate ai cittadini turchi”.

I ricercatori affermano nel loro articolo che l’enfasi del governo sullo status legale temporaneo dei rifugiati siriani ha “complicato le cose, poiché si basa sulla nozione di ospitalità e non sui diritti, di per sé”.

A nord della Turchia, la Bulgaria è molto più piccola e, fino a poco tempo fa, aveva poca esperienza con migranti e rifugiati. In quanto membro dell’Unione Europea, la Bulgaria è tenuta a seguire le normative UE per i richiedenti asilo, ma ha meno risorse e servizi rispetto alla Turchia. I ricercatori affermano che la Bulgaria non era preparata all’arrivo di richiedenti asilo dalla Siria e da altri paesi del Medio Oriente, che hanno raggiunto il picco di oltre 20.000 richiedenti nel 2015.

“Quando hanno iniziato ad arrivare persone dalla Siria e da altri paesi del Medio Oriente, c’era molta ‘alterità’ e paura. Oggi, gli atteggiamenti sono divisi con maggiore accettazione nelle città urbane rispetto alle comunità rurali”, ha affermato Dimitrova.

Confronto tra ONG di Turchia e Bulgaria

Dimitrova e Özdora-Akşak hanno osservato che la Turchia ha una concentrazione molto più alta di ONG focalizzate su rifugiati e migranti rispetto alla Bulgaria. Molte sono grandi organizzazioni che si concentrano sui servizi. Spesso hanno team di comunicazione dedicati che scrivono sovvenzioni e rapporti, producono newsletter e dispense patinate e organizzano eventi stampa per giornalisti (ad esempio, un tour di un centro professionale femminile).

In Bulgaria le ONG non sono così numerose e tendono ad essere più piccole e specializzate. Uno potrebbe concentrarsi maggiormente sui bambini mentre un altro fornisce assistenza legale. Pochi hanno personale che si concentra esclusivamente sulla comunicazione esterna. Dimitrova ha detto che questo approccio più piccolo e di base ha alcuni vantaggi.

“Poiché ci sono così tante ONG in Turchia, c’è molta concorrenza per le risorse ei finanziamenti dell’UE. L’ambiente sembrava più competitivo e territoriale. In Bulgaria, sembrava più cooperativo e coordinato”, ha affermato Dimitrova, aggiungendo che i rappresentanti delle ONG in Bulgaria si incontrano spesso per condividere aggiornamenti e discutere opportunità di collaborazione.

Le ONG di entrambi i paesi utilizzano la tecnologia e i social media per rivolgersi a pubblici diversi (ad esempio rifugiati, donatori, agenzie governative). Ma le ONG turche tendono a trasmettere informazioni in una “modalità di comunicazione unidirezionale”, mentre quelle in Bulgaria “sembrano avere la flessibilità essere più innovativi” e coinvolgere il pubblico. Tendono anche a enfatizzare le storie personali.

Poiché un sondaggio dell’opinione pubblica ha rilevato che oltre il 90% dei bulgari non aveva mai incontrato un rifugiato o un migrante in quel momento, molte delle ONG volevano “fornire un volto umano” ed evidenziare storie di successo individuali. I ricercatori hanno fornito l’esempio di una ONG bulgara che ha organizzato una mostra fotografica interattiva con la realtà aumentata. I partecipanti hanno usato i loro telefoni per saperne di più sui singoli rifugiati che vivono nella comunità.

Gli intervistati di entrambi i paesi hanno espresso preoccupazione per la burocrazia e la retorica politica anti-migranti. Ma hanno sottolineato la necessità di costruire e mantenere relazioni positive con i legislatori e le agenzie governative. Ciò è stato particolarmente importante in Turchia, con un governo che “controlla l’accesso diretto ai campi per il personale delle ONG”.

Lezioni imparate

Dimitrova ha affermato che i risultati della ricerca suggeriscono che le ONG che lavorano sulla migrazione in Bulgaria, Turchia e altri paesi possono beneficiare di:

  • Comunicare regolarmente con altre ONG e trovare modi per collaborare per semplificare i servizi e gli sforzi di sensibilizzazione.
  • Incorporare metriche e valutazioni nelle strategie di comunicazione.
  • Sperimentare progetti più creativi che mettano in risalto le storie personali dei singoli.
  • Continuare a lavorare con i media tradizionali generando contenuti per un pubblico specifico.

In un libro curato da Dimitrova intitolato ” Global Journalism “, uno dei capitoli si concentra sulla copertura di conflitti e crisi. Un caso di studio mostra che i rifugiati sono spesso inquadrati come vittime o minacce, il che toglie potere ai rifugiati stessi e rende più difficile accettarli nella società ospitante.

“Abbiamo questi conflitti in diverse parti del mondo, e che si tratti di ucraini in Polonia o di Rohingya in Bangladesh, la migrazione non sta rallentando. La lezione per me è che le ONG devono pensare a lungo termine perché dopo la risposta iniziale di simpatia e desiderio di aiutare, quella disponibilità può diminuire nel tempo “, ha affermato Dimitrova.

Questo progetto di ricerca è stato sostenuto da una Page Legacy Scholar Grant dell’Arthur W. Page Center della Pennsylvania State University.

%d