Come ti combatto la disinformazione

Uno screenshot dal video di Inoculation Science che spiega l'uso del capro espiatorio nella disinformazione. CREDITO Inoculation Science

L’esperimento su YouTube rivela il potenziale per “inoculare” milioni di utenti contro la disinformazione

Secondo un importante esperimento online condotto dall’Università di Cambridge, brevi animazioni che offrono agli spettatori un assaggio delle tattiche alla base della disinformazione possono aiutare a “inoculare” le persone contro i contenuti dannosi sui social media quando vengono distribuiti nello spazio pubblicitario di YouTube. 

In collaborazione con Jigsaw, un’unità all’interno di Google dedicata alla lotta contro le minacce alle società aperte, un team di psicologi delle università di Cambridge e Bristol ha creato clip di 90 secondi progettate per familiarizzare gli utenti con tecniche di manipolazione come il capro espiatorio e l’incoerenza deliberata.

Questa strategia di “pre-bunking” espone preventivamente le persone ai tropi alla base della propaganda dannosa, in modo che possano identificare meglio le falsità online indipendentemente dall’argomento. 

Uno screenshot dal video di Inoculation Science che spiega l’uso del capro espiatorio nella disinformazione.
CREDITO
Inoculation Science

I ricercatori dietro il progetto Inoculation Science lo confrontano con un vaccino: fornendo alle persone una “micro-dose” di disinformazione in anticipo, aiuta a prevenire che ci cadano in futuro, un’idea basata su quella che gli psicologi sociali chiamano “teoria dell’inoculazione”.  

I risultati, pubblicati su Science Advances , provengono da sette esperimenti che hanno coinvolto un totale di quasi 30.000 partecipanti – incluso il primo “studio sul campo nel mondo reale” della teoria dell’inoculazione su una piattaforma di social media – e mostrano che una singola visione di un filmato aumenta la consapevolezza di disinformazione. 

I video introducono concetti tratti dal “playbook della disinformazione”, illustrati con esempi riconoscibili da film e TV come I Griffin o, nel caso di false dicotomie, Star Wars (“Solo un Sith si occupa di assoluti”).  

“YouTube ha oltre 2 miliardi di utenti attivi in ​​tutto il mondo. I nostri video potrebbero essere facilmente incorporati all’interno dello spazio pubblicitario su YouTube per anticipare la disinformazione”, ha affermato il coautore dello studio, il prof. Sander van der Linden, capo del Social Decision-Making Lab (SDML) a Cambridge, che ha guidato il lavoro.

“La nostra ricerca fornisce la prova del concetto necessaria che il principio dell’inoculazione psicologica può essere facilmente scalato su centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo”.

L’autore principale, il dott. Jon Roozenbeek dell’SDML di Cambridge, descrive i video del team come “agnostici alla fonte”, evitando i pregiudizi che le persone hanno sulla provenienza delle informazioni e su come risuonano – o meno – con ciò in cui già credono. 

“I nostri interventi non fanno pretese su ciò che è vero o un fatto, che è spesso contestato. Sono efficaci per chiunque non apprezzi di essere manipolato”, ha affermato. 

“L’effetto dell’inoculazione è stato coerente tra liberali e conservatori. Ha funzionato per persone con diversi livelli di istruzione e diversi tipi di personalità. Questa è la base di una vaccinazione generale contro la disinformazione”.

Google, la società madre di YouTube, sta già sfruttando i risultati. Alla fine di agosto, Jigsaw lancerà una campagna di prebunking su diverse piattaforme in Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca per anticipare la disinformazione emergente relativa ai rifugiati ucraini. La campagna è progettata per rafforzare la resilienza alle narrazioni dannose contro i rifugiati, in collaborazione con ONG locali, verificatori di fatti, accademici ed esperti di disinformazione.

“La disinformazione dannosa assume molte forme, ma le tattiche e le narrazioni manipolative sono spesso ripetute e possono quindi essere previste”, ha affermato Beth Goldberg, coautrice e responsabile della ricerca e sviluppo dell’unità Jigsaw di Google.  

“Insegnare alle persone tecniche come gli attacchi ad hominem che si prefiggono di manipolarle può aiutare a costruire la resilienza per credere e diffondere la disinformazione in futuro.

“Abbiamo dimostrato che gli annunci video come metodo di consegna dei messaggi di prebunking possono essere utilizzati per raggiungere milioni di persone, potenzialmente prima che prendano piede narrazioni dannose”, ha affermato Goldberg. 

Il team sostiene che il pre-bunking potrebbe essere più efficace nel combattere il diluvio di disinformazione piuttosto che controllare ogni falsità dopo che si è diffusa – il classico “sfatare” – che è impossibile da fare su larga scala e può radicare le teorie del complotto sentendosi come attacchi personali a chi ci crede.  

“Propaganda, bugie e indicazioni sbagliate sono quasi sempre create dallo stesso playbook”, ha affermato il coautore, il professor Stephan Lewandowsky dell’Università di Bristol. “Abbiamo sviluppato i video analizzando la retorica dei demagoghi, che si occupano di capro espiatorio e false dicotomie”.

“I fact-checker possono confutare solo una parte delle falsità che circolano online. Dobbiamo insegnare alle persone a riconoscere il playbook della disinformazione, in modo che capiscano quando vengono fuorviati”.

Sei esperimenti controllati iniziali hanno visto la partecipazione di 6.464 partecipanti, con il sesto esperimento condotto un anno dopo i primi cinque per garantire che i risultati precedenti potessero essere replicati.  

La raccolta dei dati per ogni partecipante è stata completa, dalle informazioni di base – sesso, età, istruzione, tendenze politiche – ai livelli di matematica, pensiero cospiratorio, controllo delle notizie e dei social media, “ricettività delle cazzate” e un inventario della personalità, tra le altre “variabili” .  

Tenendo conto di tutto ciò, il team ha scoperto che i video di vaccinazione miglioravano la capacità delle persone di individuare la disinformazione e aumentavano la loro fiducia nel poterlo fare di nuovo. Le clip migliorano anche la qualità delle “decisioni di condivisione”: diffondere o meno contenuti dannosi. 

Due delle animazioni sono state quindi testate “in natura” come parte di un vasto esperimento su YouTube, con clip posizionate nello slot pubblicitario pre-video che offre un’opzione per saltare dopo cinque secondi. 

Google Jigsaw ha esposto circa 5,4 milioni di YouTuber statunitensi a un video di vaccinazione, con quasi un milione di spettatori per almeno 30 secondi. La piattaforma ha quindi fornito un 30% casuale di utenti che hanno guardato una domanda di prova volontaria entro 24 ore dalla loro visualizzazione iniziale.  

Le clip miravano a vaccinare contro le tattiche di disinformazione del linguaggio iper-emotivo e l’uso di false dicotomie, e le domande – basate su post di fantasia – sono state testate per il rilevamento di questi tropi. YouTube ha anche fornito a un gruppo di “controllo” di utenti che non avevano visto un video la stessa domanda di prova. In totale, 22.632 utenti hanno risposto a una domanda.

Nonostante l’intenso “rumore” e le distrazioni su YouTube, la capacità di riconoscere le tecniche di manipolazione al centro della disinformazione è aumentata in media del 5%. 

Google afferma che la natura senza precedenti dell’esperimento significa che non è disponibile un confronto diretto dei dati. Tuttavia, l’aumento della consapevolezza del marchio derivante dalla pubblicità su YouTube, noto come “incremento del marchio”, è in genere limitato all’1% nei sondaggi su meno di 45.000 utenti.  

“Gli utenti hanno partecipato ai test in media circa 18 ore dopo aver visto i video, quindi l’inoculazione sembra essersi bloccata”, ha affermato van der Linden.

I ricercatori affermano che un tale aumento del riconoscimento potrebbe cambiare le regole del gioco se aumentato drasticamente su tutte le piattaforme social, qualcosa che sarebbe economico da fare. Il costo medio per ciascuna visualizzazione di lunghezza significativa era la piccola somma di $ 0,05.  

Roozenbeek ha aggiunto: “Se qualcuno vuole pagare per una campagna YouTube che riduca in modo misurabile la suscettibilità alla disinformazione tra milioni di utenti, può farlo e a un minuscolo costo per visualizzazione”.

APPUNTI:

Primi sei esperimenti:
i primi sei esperimenti controllati prevedevano l’assegnazione casuale a ciascun partecipante di un video di “inoculazione” di 90 secondi o di un video di controllo neutro. Ai partecipanti sono stati quindi mostrati casualmente dieci post sui social media: cinque utilizzando tecniche deliberatamente manipolative (sebbene non tutti presentassero falsità comprovate) e cinque post neutri. Ai partecipanti è stato chiesto di classificare i livelli di fiducia nelle informazioni, il grado in cui ritengono che siano manipolative e quanto è probabile che le condividano.

I risultati includono:

  • Video del linguaggio emotivo: i partecipanti “inoculati” erano tra 1,5 e 1,67 volte migliori rispetto al gruppo di controllo nell’identificare questa tecnica di manipolazione.
  • Video sulle false dicotomie: i partecipanti “inoculati” erano 1,95 – quindi quasi il doppio – più bravi del gruppo di controllo nell’identificare questa tecnica di manipolazione. 
  • Video sull’incoerenza: i partecipanti “inoculati” erano più del doppio (2.14) del gruppo di controllo nell’identificare questa tecnica di manipolazione. 

Esperimento su YouTube:
la campagna pubblicitaria per l’inoculazione di YouTube è durata oltre quindici giorni in [YEAR] e ha preso di mira utenti di lingua inglese negli Stati Uniti di età pari o superiore a 18 anni e che avevano guardato almeno un video politico o di notizie sulla piattaforma.    

In totale, 22.632 partecipanti hanno risposto a una domanda di prova su YouTube: 11.432 avevano visto un video di vaccinazione e 11.200 no. 

Esempi di domande presentate da YouTube:

Falsa dicotomia:
valuta questa frase: “Dobbiamo migliorare il nostro sistema educativo o affrontare la criminalità nelle strade”.
Agli utenti è stato chiesto di scegliere se la frase conteneva: un comando; spauracchio; falsa dicotomia; nessuna di queste. 

Linguaggio emotivo:
valuta questa frase: “Il latte artificiale è collegato allo scoppio di una nuova terrificante malattia tra i bambini indifesi: i genitori si disperano”.
Agli utenti è stato chiesto di scegliere se la frase conteneva: un comando; linguaggio emotivo; falsa dicotomia; nessuna di queste.

Video e altri link:

Tutti i video sull’inoculazione, insieme alle informazioni di base sull’approccio, possono essere trovati su: https://inoculation.science/

Oppure su YouTube qui: https://www.youtube.com/channel/UCiov-3rtgg9Nl_ezyWyOHpQ/videos

I dettagli del prossimo libro di Sander van der Linden sul “prebunking” e sulla lotta alla disinformazione, Foolproof, possono essere trovati qui: https://www.waterstones.com/book/foolproof/dr-sander-van-der-linden/9780008466718

Informazioni su Jigsaw:
Jigsaw è un team di Google che esplora le minacce alle società aperte e sfrutta la ricerca, la tecnologia e le collaborazioni all’interno e all’esterno di Google per sviluppare soluzioni scalabili a lungo termine. Il team lavora per mantenere le persone online più sicure affrontando questioni che vanno dalla censura e molestie alla disinformazione e all’estremismo violento.

%d