Più regolamenti rendono i siti Web meno affidabili

monitor, binary, binary system

Un nuovo studio mostra che l’imposizione di controlli e regolamenti rigorosi sugli operatori di siti Web non rende Internet più sicuro e privato per gli utenti. In effetti, le politiche rigorose sembrano peggiorare la situazione, afferma il dottor Karim Jamal, professore presso la University of Alberta School of Business.

In questione è la pratica di richiedere ai navigatori del web di fornire informazioni personali al fine di condurre transazioni online. I proprietari web possono quindi monitorare le attività online degli utenti e personalizzare le strategie di marketing che prendono di mira le persone che visitano i loro siti. A volte vendono anche le informazioni a terzi, che riempiono le caselle di posta elettronica di ignari navigatori con messaggi di marketing indesiderati.

“Mettiamola così”, disse Jamal. “Abbiamo scoperto che ci sono alcuni siti affidabili e molto utilizzati per i quali ti pentirai di esserti registrato o su cui fare affari”.

La ricerca di Jamal ha comportato un’analisi dei primi 100 siti Web aziendali negli Stati Uniti prima che le leggi recentemente approvate per regolamentare il tracciamento e la vendita delle informazioni entrassero in vigore. Lavorando con un collega, il dottor Norman Bowie dell’Università del Minnesota, Jamal ha poi confrontato i risultati statunitensi con i risultati di un’analisi dei principali siti commerciali del Regno Unito, dove una grande burocrazia governativa regola e monitora le azioni degli operatori online.

Utilizzando un software specializzato “web-crawler”, sono stati in grado di navigare attraverso i siti e di sapere se gli operatori del sito stavano tracciando o meno le loro attività. Quindi, per un periodo di sei mesi, i ricercatori hanno monitorato il modo in cui ciascuna delle aziende utilizzava le informazioni relative alle proprie attività online. Infine, i ricercatori hanno controllato ogni sito per informazioni sulla divulgazione e hanno incrociato ciò che hanno trovato – o non trovato – con i risultati della loro analisi del software.

“Abbiamo scoperto che i siti Web non regolamentati negli Stati Uniti funzionano in modo sicuro e privato come i siti regolamentati nel Regno Unito La maggior parte degli operatori Web negli Stati Uniti e nel Regno Unito erano aperti e onesti e hanno fatto un buon lavoro nel proteggere le informazioni degli utenti”, Jamal disse.

“Tuttavia, abbiamo anche scoperto che una piccola percentuale di operatori in entrambi i paesi erano imbroglioni e il peggio del peggio dei siti operava nel Regno Unito”, ha aggiunto Jamal, coautore di un articolo su questo argomento che è stato recentemente pubblicato su la rivista Business Ethics Quarterly.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli operatori del Regno Unito non erano così disponibili come le loro controparti statunitensi nel rivelare come funzionavano i loro siti e cosa stavano facendo con le informazioni che stavano raccogliendo.

“Potresti dire che i ragazzi che operavano nel mercato regolamentato hanno rivelato solo ciò che gli era stato detto di dover fare per legge. Anche allora, quello che hanno scritto era per lo più legalese illeggibile”, ha detto Jamal.

“Nel sistema regolamentato, le persone che imbrogliano bareranno in grande. Non venderanno le tue informazioni a poche persone, le venderanno a migliaia di persone”, ha detto. “Immagino che capiscano che se hanno intenzione di barare potrebbero anche far valere la pena.”

Jamal ha aggiunto che il sistema britannico altamente regolamentato, che è simile al sistema utilizzato in tutta Europa, costa molto ai contribuenti, anche se non è particolarmente efficace.

Sulla base di queste prove, Jamal ritiene che il miglior sistema per proteggere gli utenti web sia un sistema autoregolato, come quello negli Stati Uniti, dove gli operatori si affidano al passaparola e ai sigilli di approvazione di organizzazioni come il Better Business Bureau per promuovere le loro pratiche pulite. Anche rifiutare o adattare i regolamenti man mano che i progressi tecnologici “si manifestano” è una buona idea, ha affermato.

Esperto di contabilità e revisione etica, Jamal ha avviato lo studio sulla privacy online perché il web, essendo relativamente nuovo, fornisce buoni banchi di prova per misurare l’effetto delle politiche normative. Cercare di compiere la stessa impresa nel vecchio e contorto mondo della contabilità è estremamente difficile, ha affermato.

Il suo obiettivo finale è fornire informazioni per aiutare i responsabili politici a migliorare i sistemi contabili in modo che disastri come i crolli di Enron e WorldCom diventino meno probabili.

“Penso che le persone che si occupano di contabilità siano molto simili agli operatori del web. La maggior parte sono onesti, alcuni sono imbroglioni e devi sviluppare un sistema che si evolva gradualmente per rendere più difficile il funzionamento degli imbroglioni. Cosa non fai Voglio che il sistema venga dirottato per concentrarsi solo sugli imbroglioni”, ha detto Jamal.

“La nostra ricerca ci sta dimostrando che fare affidamento su normative rigorose e leggi dure e punitive costa solo di più da implementare, crea complessità e confusione e porta a casi più estremi di frode”, ha aggiunto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: