I social media ci rendono più o meno soli? Dipende da come li usi

Sad young woman in headscarf
Photo by Kiyan Mirzaei on Pexels
Sad young woman in headscarf
Photo by Kiyan Mirzaei on Pexels

Gli esseri umani sono più connessi tra loro che mai , grazie a smartphone, web e social media. Allo stesso tempo, la solitudine è un problema sociale enorme e in crescita.

Perché è così? La ricerca mostra che l’uso dei social media da solo non può curare la solitudine, ma può essere uno strumento per costruire e rafforzare le nostre autentiche connessioni con gli altri, che sono importanti per una vita felice.

Per capire perché questo è il caso, dobbiamo capire di più sulla solitudine, il suo impatto dannoso e cosa ha a che fare con i social media.

La scala della solitudine

C’è grande preoccupazione per un’epidemia di solitudine in Australia. Nell’Australian Loneliness Report 2018, più di un quarto dei partecipanti al sondaggio ha riferito di sentirsi solo tre o più giorni alla settimana.

Gli studi hanno collegato la solitudine alla mortalità precoce , all’aumento delle malattie cardiovascolari , alla cattiva salute mentale e alla depressione , al suicidio e all’aumento dei costi sociali e sanitari .

Ma come si collega questo ai social media?

Sempre più australiani si isolano fisicamente. La mia ricerca precedente ha dimostrato che i contatti faccia a faccia in Australia sono in declino, e questo è accompagnato da un aumento della comunicazione abilitata alla tecnologia .

Entra nei social media, che per molti fungono da sostituto della connessione fisica. I social media influenzano quasi tutte le relazioni ora.

Navigazione nell’interfaccia fisica/digitale

Mentre ci sono prove di una maggiore solitudine tra gli utenti pesanti dei social media, ci sono anche prove che suggeriscono che l’uso dei social media riduce la solitudine tra le persone altamente sociali .

Come spieghiamo tali apparenti contraddizioni, in cui sia le persone più sole che quelle meno sole sono utenti pesanti dei social media?

La ricerca rivela che i social media sono più efficaci nell’affrontare la solitudine quando vengono utilizzati per migliorare le relazioni esistenti o creare nuove connessioni significative. D’altra parte, è controproducente se usato come sostituto dell’interazione sociale della vita reale.

Pertanto, non sono i social media in sé, ma il modo in cui li integriamo nelle nostre vite esistenti che influiscono sulla solitudine.

Ho vagato da solo tra le nuvole

Mentre le implicazioni dei social media per la solitudine possono essere positive, possono anche essere contraddittorie.

Gli appassionati del settore tecnologico evidenziano i vantaggi dei social media, come il modo in cui offrono una connessione facile e algoritmica a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, in qualsiasi momento. Ma questo argomento spesso ignora la qualità di queste connessioni.

Lo psicologo Robert Weiss fa una distinzione tra “solitudine sociale” – mancanza di contatto con gli altri – e “solitudine emotiva” , che può persistere indipendentemente da quante “connessioni” si hanno, soprattutto se non forniscono supporto, affermano identità e creano sentimenti di appartenenza.

 

Senza strette connessioni fisiche, le amicizie virtuali superficiali possono fare ben poco per alleviare la solitudine emotiva. E c’è motivo di pensare che molte connessioni online siano proprio questo.

Le prove della letteratura passata hanno associato un uso intenso dei social media a una maggiore solitudine . Ciò può essere dovuto al fatto che gli spazi online sono spesso orientati alle prestazioni, allo status, all’esagerazione di qualità favorevoli (come pubblicare solo contenuti “felici” e Mi piace) e disapprovare le espressioni di solitudine.

D’altra parte, i social media svolgono un ruolo fondamentale nell’aiutarci a rimanere in contatto con gli amici su lunghe distanze e ad organizzare gli incontri. La videoconferenza può facilitare “riunioni” quando la riunione fisica è impraticabile.

Piattaforme come Facebook e Instagram possono essere utilizzate per interagire con nuove persone che potrebbero trasformarsi in veri amici in seguito. Allo stesso modo, siti come Meetup possono aiutarci a trovare gruppi locali di persone i cui interessi e attività sono in linea con i nostri.

E mentre il contatto faccia a faccia rimane il modo migliore per aiutare a ridurre la solitudine, a volte è possibile trovare aiuto attraverso gruppi di supporto online.

Perché così solo?

Ci sono diverse probabili ragioni per la nostra grande disconnessione fisica e solitudine.

Abbiamo sostituito l’idea del 20° secolo di carriere stabili e permanenti nell’arco di decenni con un lavoro flessibile e un lavoro a tempo determinato. Ciò richiede un trasferimento regolare per lavoro, che si traduce in una disconnessione da familiari e amici .

Il modo in cui costruiamo le McMansions (grandi case a più stanze) e ci estendiamo nei nostri sobborghi è spesso antisociale, con poca attenzione allo sviluppo di centri sociali vivaci e percorribili .

 

Si prevede che le famiglie unipersonali aumenteranno da circa 2,1 milioni nel 2011 a quasi 3,4 milioni nel 2036.

Tutto quanto sopra significa che il modo in cui gestiamo la solitudine sta cambiando.

Nel nostro libro , io e i miei coautori sosteniamo che le persone gestiscono i propri sentimenti in modo diverso rispetto al passato. Vivendo lontano da amici e familiari, gli individui isolati spesso affrontano le emozioni negative da soli, attraverso la terapia o collegandosi online con chiunque sia disponibile.

L’uso dei social media è pervasivo, quindi il minimo che possiamo fare è piegarlo in un modo che faciliti il ​​nostro bisogno di appartenenza nella vita reale.

È uno strumento che dovrebbe funzionare per noi, non il contrario. Forse, una volta raggiunto questo obiettivo, possiamo aspettarci di vivere in un mondo un po’ meno solitario.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: