Questione irrisolta

Gli editori affrontano Facebook e Google per non aver pagato in base al codice di contrattazione dei media di notizie

Potresti aver notato martedì di questa settimana 30 organi di stampa non hanno pubblicato alcun articolo di notizie come parte di una protesta coordinata.

Un gruppo di editori di medie dimensioni ha intrapreso questa azione perché Facebook e Google si sono rifiutati di pagare per il loro lavoro in base al News Media Bargaining Code, una nuova legge introdotta lo scorso anno per costringere i giganti della tecnologia a pagare per il giornalismo di interesse pubblico.

Gli accordi presi secondo la legge sono avvolti dal segreto, ma sappiamo che finora milioni di dollari sono stati diretti a grandi lettori multimediali come New Corp, Seven, Nine, ACM, The Guardian e ABC. Questo è stato un bene per il giornalismo e ha creato molti nuovi lavori di reportage.

Ma un risultato perverso è che la legge aiuta i più grandi lettori multimediali escludendo le società più piccole e senza scopo di lucro. Non è l’ideale in un paese che ha già un grosso problema con la proprietà dei media altamente concentrata.

Facebook ha rifiutato di occuparsi di dozzine di operazioni mediatiche indipendenti più piccole e persino di grandi organi di stampa come SBS e The Conversation. Google ha fatto più accordi ma ha anche escluso alcuni editori più piccoli.

I giganti della tecnologia scommettono che a nessuno importerà abbastanza dei ragazzini da fare storie. Ma con le nuove leggi il governo può costringere Facebook e Google a mettersi al tavolo attraverso un processo chiamato “designazione”, ed è per questo che gli editori stanno facendo pressioni.

È una causa che vale la pena sostenere. In Australia dobbiamo affrontare un diluvio di disinformazione e disinformazione sui social media, oltre ad alcuni dei media più concentrati al mondo. Tutto ciò che offre l’opportunità di raccontare storie più accurate è di vitale importanza per la salute della nostra democrazia. Storie come quella sottostimata sui piccoli editori che sono stati lasciati al freddo.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web #WaitingOnZuck e scaricare un kit d’azione, inviare un’e-mail a Josh Frydenberg o tentare la fortuna contattando Mark Zuckerberg.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: