La partecipazione religiosa aumenta la probabilità che vecchi e giovani si fidino del prossimo e facciano donazioni in beneficenza

monks, praying, prayer
Photo by sasint on Pixabay
monks, praying, prayer
Photo by sasint on Pixabay

Secondo un nuovo studio, i “boomer” e i “millennial” che vanno in chiesa hanno maggiori probabilità di fidarsi dei loro vicini e di donare in beneficenza.

Le credenze religiose e la partecipazione aiutano a colmare le lacune nella partecipazione civica tra i millennial e i loro anziani, hanno scoperto i ricercatori.

Gli esperti hanno misurato il “capitale” sociale che la religione offre alle persone di tutte le età. Hanno scoperto che quelli tra i 20 ei 30 anni avevano meno probabilità di unirsi a gruppi e associazioni e meno probabilità di essere religiosi, ma essere coinvolti nella chiesa ha dato loro più “capitale religioso” rispetto alle persone anziane che hanno anche frequentato le funzioni.

Lo studio mostra che i boomer hanno spesso più capitale sociale dei millennial e hanno maggiori probabilità di essere religiosi. I millennial religiosi potrebbero avere maggiori probabilità di incontrare e interagire con i boomer, e questo potrebbe “aumentare” il valore del loro capitale religioso. I boom religiosi, al contrario, possono incontrare altri della stessa età con vite sociali simili, quindi le loro interazioni basate sulla chiesa hanno meno benefici sociali.

La ricerca, di Stuart Fox della Brunel University, Ekaterina Kolpinskaya, dell’Università di Exeter, Jennifer Hampton e Esther Muddiman, del Wales Institute of Social and Economic Research and Data (WISERD) con sede alla Cardiff University e Ceryn Evans della Swansea University, è pubblicato su The Sociological Review .

I ricercatori hanno utilizzato i dati dell’Household Longitudinal Study (UKHLS) del Regno Unito. Il campione includeva informazioni su tutti i nati tra il 1946 e il 1958 e su quelli nati dopo il 1982. Hanno misurato la partecipazione religiosa attraverso la frequenza autodichiarata di partecipazione alle funzioni religiose.

I ricercatori hanno scoperto che partecipare alla religione ha dato ai boomer e ai millennial più fiducia sociale, nonostante la frequenza con cui frequentavano la chiesa. Coloro che hanno partecipato almeno una volta all’anno avevano maggiori probabilità di fidarsi dei loro vicini, di circa quattro o cinque punti percentuali.

I millennial che hanno affermato che il loro credo religioso ha fatto “un po’” la differenza nella loro vita quotidiana avevano circa quattro punti percentuali in più di probabilità di donare in beneficenza rispetto a quelli che hanno affermato che non ha fatto alcuna differenza, mentre quelli che hanno affermato che ha fatto “molta” differenza sono sette punti percentuali più probabile.

I boom che hanno partecipato alle funzioni religiose almeno una volta alla settimana erano i più propensi a donare in beneficenza e circa otto punti percentuali in più rispetto a quelli di età simile che non frequentavano la chiesa. Lo stesso vale per i millennial, anche se la differenza tra chi partecipa settimanalmente e chi non partecipa affatto è di 12 punti.

Il dottor Fox ha dichiarato: “Mentre livelli inferiori di capitale religioso stanno contribuendo a livelli inferiori di capitale sociale tra i millennial, l’attività religiosa è anche una fonte di capitale sociale più efficace per i millennial rispetto ai loro anziani.

“Abbiamo scoperto che i millennial hanno meno probabilità di unirsi a gruppi o associazioni rispetto ai boomer, indipendentemente dalla loro partecipazione religiosa, quindi hanno meno capitale sociale”.

I ricercatori hanno scoperto che l’effetto della religione sull’appartenenza alle associazioni comunitarie è limitato, a parte i battisti e i metodisti più anziani, che avevano rispettivamente circa l’8% e il 4% in più di probabilità di aderire alle associazioni comunitarie rispetto ai loro coetanei coinvolti in altre religioni, o nessuno .

I millennial che hanno affermato che le credenze religiose hanno fatto una grande differenza nella loro vita quotidiana avevano una probabilità significativamente maggiore di aderire alle associazioni comunitarie – di circa 13 punti. La ricerca mostra che i millennial che hanno partecipato alle funzioni religiose almeno una volta all’anno – o una volta al mese o una volta alla settimana – hanno circa 10 punti in più di probabilità di aderire a un’associazione comunitaria rispetto a chi non lo fa. Per i boomer la stessa differenza è di 3 punti.

La dott.ssa Kolpinskaya ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che la partecipazione religiosa aumenta l’appartenenza associativa per entrambe le generazioni indipendentemente dalla sua intensità: ciò che conta è la differenza tra i boomer o i millennial che partecipano all’attività religiosa e i boomer o i millennial che non lo fanno”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: