In che modo la copertura delle notizie influisce sulla fiducia del pubblico nella scienza

broadcast, tv, camera
Photo by frkotou on Pixabay
broadcast, tv, camera
Photo by frkotou on Pixabay

Le storie negative senza contesto possono minare la fiducia nella scienza

Secondo i risultati dei ricercatori dell’Annenberg Public Policy Center (APPC) dell’Università della Pennsylvania, i resoconti dei media sui fallimenti scientifici che non riconoscono la natura autocorrettiva della scienza possono danneggiare la percezione pubblica di fiducia nel lavoro scientifico. Università di Buffalo, l’Università statale di New York.

Le notizie sulla scienza seguono diverse narrazioni specifiche, scrivono i ricercatori in un nuovo studio sulla rivista Public Understanding of Science . Uno è che la scienza è “in crisi” o “rotta”, una narrativa guidata negli ultimi anni da resoconti di sforzi infruttuosi per replicare scoperte in psicologia, un aumento delle ritrattazioni, fallimenti della revisione tra pari e l’uso improprio delle statistiche, tra le altre cose .

“I tentativi e i fallimenti di replicare i risultati sono una parte essenziale e salutare del processo scientifico”, ha affermato il coautore Yotam Ophir, assistente professore di comunicazione presso l’Università di Buffalo ed ex borsista post-dottorato nel programma di comunicazione scientifica dell’APPC, dove il lavoro è stato condotto. “La nostra ricerca mostra la necessità per giornalisti e scienziati di contestualizzare accuratamente tali fallimenti come parte della natura autocorrettiva della scienza”.

In un esperimento, quasi 4.500 adulti statunitensi sono stati assegnati a leggere uno dei quattro diversi tipi di notizie sulla scienza o una storia di controllo. Tra i risultati:

 

  • L’esposizione a storie che mettono in evidenza i problemi ha ridotto la fiducia negli scienziati e ha indotto credenze negative sugli scienziati.
  • Effetti maggiori sono stati osservati tra le persone che hanno letto storie che dicevano che la scienza era in crisi o infranta. 

    “Abbiamo identificato una tendenza nella copertura delle notizie a generalizzare eccessivamente la prevalenza dei problemi nella scienza e prenderli come un indicatore che l’impresa nel suo insieme è fallita”, ha affermato la co-autrice e direttrice dell’APPC Kathleen Hall Jamieson. Ciò che l’esperimento ha scoperto, ha aggiunto, è che “l’esposizione a notizie che hanno erroneamente concluso che perché qualcosa è andato storto la scienza è in crisi può ingiustificatamente minare la fiducia nella scienza”.

    L’esperimento

    Lo studio ha cercato di fornire prove sperimentali sugli effetti dell’esposizione a diverse narrazioni sulla scienza. È stato condotto online con 4.497 adulti statunitensi all’inizio del 2019 – prima, ha osservato Jamieson, il mondo era alle prese con la pandemia di Covid-19 e “la scienza ha scoperto vaccini salvavita con una velocità senza precedenti”.

    L’esperimento ha testato gli effetti di quattro narrazioni:

     

  • la “ricerca onorevole” o scoperta, in cui uno scienziato scopre una conoscenza affidabile e consequenziale;
  • la “ricerca contraffatta”, o ritrattazione del lavoro pubblicato, in cui uno scienziato si impegna in una condotta disonorevole e astuta;
  • la scienza è narrativa “in crisi/rotta”, che accusa gli scienziati o l’istituzione scientifica per non aver affrontato un problema noto; e
  • il “problema esplorato”, in cui gli scienziati esplorano e potenzialmente risolvono un problema rivelato dalla narrativa “crisi / interruzione”. 

    Ai partecipanti è stata assegnata in modo casuale una lettura basata su notizie modificate coerenti con una delle narrazioni. Ad esempio, una storia di “ricerca” raccontava di una scoperta nell’immunoterapia per curare la leucemia, mentre una storia di “ricerca contraffatta” descriveva affermazioni scientifiche ritratte sul comportamento alimentare. Una storia di “scienza è rotta” ha descritto un “allarmante aumento del numero di ritrattazioni” e una storia di “problema esplorato” ha esaminato gli psicologi che esploravano modi per aumentare l’affidabilità degli studi di psicologia. Un quinto gruppo di partecipanti ha letto una storia di controllo su un argomento non correlato, il baseball.

    Dopo aver completato le letture, ai partecipanti è stato chiesto della loro fiducia nella scienza, delle convinzioni sulla scienza e del sostegno al finanziamento della scienza.

    La fiducia nella scienza è alta

    I ricercatori hanno scoperto che:

     

  • La fiducia nella scienza era moderatamente alta;
  • Le convinzioni che la scienza si autocorreggesse e fosse benefica erano da moderate ad alte;
  • Tra le persone con livelli più elevati di fiducia nella scienza, più percepivano le storie incentrate sul problema come rappresentative della scienza, più era probabile che credessero che la scienza si autocorreggeva;
  • Per le persone con livelli inferiori di fiducia nella scienza, l’effetto era invertito: più vedevano le storie incentrate sul problema come rappresentative, meno era probabile che credessero che la scienza si autocorreggeva;
  • Il supporto per il finanziamento della scienza non è stato influenzato dalle storie. 

    “Questo studio”, hanno concluso gli autori, “dimostra gli effetti negativi, anche se piccoli, delle narrazioni dei media incentrate sui problemi sulla fiducia, le credenze e il sostegno agli scienziati e sottolinea l’importanza della rappresentatività percepita e della fiducia del pubblico negli scienziati nel la risposta del pubblico a loro.”

    L’esperimento fa seguito a uno studio del 2018 di Jamieson negli Atti della National Academy of Sciences . Lo studio precedente ha esaminato tre narrazioni dei media sulla scienza: la ricerca onorevole, la ricerca della contraffazione e la crisi/rotto. Degli articoli di crisi/rotture esaminati in quello studio, solo il 29% ha indicato che la scienza si autocorregge e il 34% è stato scritto da uno scienziato. Quello studio ha espresso la preoccupazione che “narrazioni difettose possono migliorare la capacità dei partigiani di screditare aree della scienza… contenenti risultati che sono ideologicamente non congeniali a loro”.

    Come giornalisti e scienziati possono rafforzare la fiducia nella scienza

    “Etichettando i problemi nella ricerca scientifica come ‘crisi’ e inquadrando i fallimenti scientifici come indicazioni che la scienza è inaffidabile, sia gli scienziati che i giornalisti non riescono a comunicare i veri valori della scienza”, ha affermato Ophir. “Commettere errori fa parte della scienza. Ciò che i media e gli scienziati stessi spesso considerano un fallimento è un indicatore di una scienza sana”.

    L’analisi del contenuto ha rilevato che la storia di quest onorevole era la più diffusa. Ma lo studio ha osservato che quando i resoconti dei media discutono dei fallimenti “tendono a ignorare i tentativi scientifici di affrontare i problemi”, scrivono gli autori. “Noi sosteniamo che tali narrazioni sui fallimenti scientifici individuali o sistemici non riescono a comunicare le norme scientifiche di continua esplorazione, controllo e scetticismo e potrebbero, in particolare se presentate regolarmente e in modo coerente, danneggiare la fiducia del pubblico e la fiducia nel lavoro scientifico”.

    L’uso della narrativa del “problema esplorato” potrebbe ridurre gli effetti dannosi e migliorare gli atteggiamenti verso la scienza “comunicando meglio le norme scientifiche di continua esplorazione, controllo e scetticismo”, scrivono gli autori. “Poiché la comunicazione scientifica nei mezzi di informazione è il risultato di una negoziazione tra scienziati e giornalisti, questi risultati potrebbero guidare i futuri sforzi di comunicazione scientifica da parte sia dei giornalisti che dei membri della comunità scientifica.

    “Come altri prima di noi…” concludono, “crediamo che un tale cambiamento richiederà alle istituzioni scientifiche di riconsiderare l’attuale struttura di incentivi, che dà la priorità alla promozione di nuove scoperte statisticamente significative rispetto ai [rigorosi] sforzi di autocorrezione”.

    ###

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: