Dai un’occhiata ai chirurghi plastici su Instagram? La tua percezione potrebbe essere parziale

Plastic surgeon marking up for surgery

Plastic surgeon marking up for surgery

28 maggio 2021 – I siti di social media, in particolare Instagram, hanno rivoluzionato il modo in cui i chirurghi plastici commercializzano la loro pratica . Queste piattaforme consentono ai chirurghi di pubblicare testimonianze, video educativi e foto prima e dopo. Queste informazioni possono aiutare a guidare i pazienti nel prendere decisioni sull’opportunità di sottoporsi a chirurgia estetica e quale chirurgo plastico scegliere, in base a fattori come l’esperienza del chirurgo e i risultati raggiunti.

Tuttavia, la percezione dei pazienti delle abilità dei chirurghi plastici può anche essere influenzata da pregiudizi impliciti, basati esclusivamente sull’etnia del nome del chirurgo. “Nel nostro sondaggio sulle risposte a post di Instagram altrimenti identici, il nome del chirurgo plastico ha influenzato in modo significativo la percezione della competenza del chirurgo”, commenta l’autore principale Ash Patel, MB, ChB, dell’Albany (NY) Medical Center.

“I risultati ci ricordano che il bias implicito gioca un ruolo fondamentale nelle nostre azioni quotidiane, che ce ne rendiamo conto o meno”, aggiunge il dott. Patel. Lo studio appare nel numero di giugno di Plastic and Reconstructive Surgery® , la rivista medica ufficiale dell’American Society of Plastic Surgeons (ASPS).

I ricercatori hanno creato una serie di post falsi su Instagram che mostrano le foto prima e dopo di un paziente con aumento del seno . I messaggi erano identici in ogni modo, tranne che per il nome del chirurgo plastico. Le versioni del post utilizzavano nomi femminili o maschili tipici di otto diversi gruppi razziali / etnici: africani, caucasici o ebrei americani, asiatici orientali o meridionali, neri, latini e mediorientali.

Ai partecipanti al sondaggio online è stato presentato uno dei falsi post di Instagram e gli è stato chiesto di valutare le loro percezioni sulla competenza del chirurgo plastico e con quale probabilità avrebbero lasciato che il chirurgo li operasse (probabilità di reclutamento). L’analisi includeva valutazioni di quasi 3.000 intervistati.

Le valutazioni complessive della competenza dei chirurghi erano simili per i nomi che rappresentano diversi gruppi etnici razziali. Tuttavia, c’erano alcune differenze significative relative al gruppo razziale/etnico degli intervistati.

“I caucasici americani e i latini erano gli unici due gruppi etnici a mostrare favoritismi all’interno del gruppo”, commenta il dott. Patel. “Ciò può essere particolarmente importante, poiché queste due etnie comprendono circa l’80% dei pazienti sottoposti a chirurgia estetica negli Stati Uniti”.

I chirurghi con nomi femminili hanno ricevuto valutazioni più elevate di competenza percepita e punteggi di probabilità di reclutamento più elevati. Eppure le donne intervistate hanno assegnato punteggi di probabilità di reclutamento inferiori, sia per i chirurghi maschi che per quelli femminili.

I social media hanno generato un intenso interesse per la chirurgia plastica estetica, con una posta in gioco elevata per i chirurghi plastici che cercano di commercializzare la loro pratica online. Il nuovo studio è il primo ad esaminare gli effetti dei pregiudizi impliciti nei social media relativi alla chirurgia plastica.

Nel complesso, il sondaggio rileva che il genere e l’etnia apparenti del chirurgo plastico non influiscono sulla probabilità che la popolazione generale scelga quel chirurgo. Tuttavia, i risultati suggeriscono percezioni più favorevoli dei chirurghi dello stesso gruppo razziale/etnico, in particolare tra i valutatori caucasici americani e latini.

“Combattere i pregiudizi impliciti è impegnativo, poiché queste associazioni sono inconsce e non necessariamente quelle che possiamo riconoscere come presenti”. Il dottor Patel commenta. “Dobbiamo esaminare nuovi approcci per incoraggiare i pazienti a prendere decisioni sui chirurghi plastici in base a certificazioni, qualifiche ed esperienza del consiglio di amministrazione, non a razza o etnia”.

###

Fare clic qui per leggere “Cosa c’è in un nome? Il pregiudizio implicito influisce sulla percezione del paziente dell’abilità del chirurgo”.

DOI: 10.1097 / PRS.0000000000008171

 

###
Plastic and Reconstructive Surgery® è pubblicato nel portfolio Lippincott da Wolters Kluwer

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: