Trovare la resilienza nella raccolta di notizie della comunità locale

Uno studio condotto da professori di giornalismo presso l’Università del Missouri e l’Università del Kansas esplora l’impatto di COVID-19 sui giornali della comunità statunitense

Quando il Webster-Kirkwood Times , un giornale comunitario nella grande area di St. Louis, nel Missouri, ha dovuto sopportare licenziamenti e interrompere la pubblicazione della sua edizione cartacea – a causa di una perdita di entrate a causa della pandemia COVID-19 – il suo i lettori hanno sentito la perdita e hanno iniziato a sostenere seriamente il giornale.

“Molte volte le persone non sanno cosa hanno fino a quando non se ne sono andati”, ha detto Jaime Mowers, redattore capo del Webster-Kirkwood Times . “Ora, c’è un così ritrovato apprezzamento per il giornale. È incredibile avere il sostegno della comunità, sapere che siamo così amati e apprezzati abbastanza da poter riportare indietro la nostra edizione cartacea. Facciamo parte del tessuto della nostra comunità, e siamo fortunati a farne ancora parte “.

I giornali della comunità, come il Webster-Kirkwood Times e quelli dell’America rurale, sono spesso la principale fonte di notizie locali accurate per il pubblico. Possono anche essere un modo importante per condividere l’impatto dei principali eventi nazionali, come una pandemia globale. Quando la pandemia COVID-19 iniziò a diffondersi negli Stati Uniti, gli studiosi di giornalismo dell’Università del Missouri e dell’Università del Kansas scoprirono che i giornali della comunità in tutto il paese iniziarono a rivalutare il modo in cui avevano fatto affari per decenni.

Nel loro nuovo studio, gli studiosi di giornalismo hanno analizzato sei settimane di articoli di notizie e colonne sui giornali della comunità che hanno descritto l’impatto di COVID-19 sulla professione del giornalismo. Hanno scoperto che i giornalisti in queste redazioni locali erano ora aperti all’idea che “tutto è sul tavolo” per la loro sopravvivenza. Come parte di questa filosofia, i giornalisti stanno iniziando ad abbracciare la necessità di difendersi da soli per la loro professione in un modo che le generazioni precedenti erano storicamente a disagio nel fare, ha detto Ryan J. Thomas, professore associato di studi sul giornalismo presso la Missouri School of Journalism.

“C’è stata una tendenza all’interno del giornalismo per evitare che il giornalismo stesso diventi la storia, e lasciare che la qualità del lavoro parli da sola”, ha detto Thomas. “I giornalisti hanno mantenuto questa opinione secondo cui se pubblicano un prodotto di qualità, il pubblico li apprezzerà. Ma quello che abbiamo scoperto, e che è anche coerente con alcuni altri studi simili, è che la visione interna dei giornalisti del loro la propria professione sta cambiando. I giornalisti stanno ora riconoscendo la necessità di essere i propri sostenitori, non solo per l’importanza del loro ruolo in una democrazia, ma anche per la propria sopravvivenza, cercando di incoraggiare le persone a iscriversi, rinnovare l’abbonamento e così via sopra.”

Entro due mesi dalla pandemia di COVID-19 che ha raggiunto gli Stati Uniti, almeno 30 giornali locali in tutto il paese hanno chiuso o si sono fusi a causa di situazioni finanziarie. Nel frattempo, centinaia di altri giornali comunitari hanno risposto con licenziamenti, permessi e cambiamenti di produzione, come il passaggio a un formato online esclusivo e la riduzione del numero di edizioni cartacee. Thomas ha detto che questo cambiamento di pensiero riconosce anche che fare affidamento su un modello pubblicitario, la fonte di entrate per gran parte del giornalismo tradizionale, è un’impresa rischiosa. Ha affermato che la loro ricerca ha rivelato un dibattito tra editori ed editori sull’opportunità o meno di utilizzare i paywall – una nuova forma di entrate per molte organizzazioni dei media – per accedere alle notizie sul coronavirus.

“Da un lato, il giornalismo è un servizio pubblico e le informazioni sul coronavirus sono essenziali per rendere la comunità consapevole delle minacce per la salute e delle misure di sicurezza che dovrebbero essere prese”, ha detto Thomas. “D’altra parte, se tali informazioni si trovano dietro un paywall, le persone non possono accedervi. Tuttavia, un paywall è anche una fonte di entrate e può aiutare a mantenere le luci accese. Questo è ciò che rende questa situazione complicata”.

Teri Finneman, professore associato presso la School of Journalism and Mass Communications presso l’Università del Kansas e coautore dello studio, è stato lieto di vedere quanto fossero onesti i giornalisti quando scrivevano delle loro situazioni.

“Negli ultimi dieci anni o giù di lì, penso che il pubblico continui a sentire il morso che il giornalismo sta morendo, ma non so se il pubblico capisce veramente come funziona il giornalismo”, ha detto Finneman, che ha conseguito la laurea e il dottorato presso MU. “Quindi, è importante che i giornalisti abbiano più di queste conversazioni oneste con il pubblico, in modo che il pubblico abbia una maggiore comprensione di ciò di cui i giornalisti hanno bisogno per essere in grado di servirli adeguatamente. Il giornalismo ha sfide del modello di business e mentre alcune aree del giornalismo sono fiorenti e si sta facendo un ottimo lavoro, il giornalismo ha ancora bisogno che le comunità investano nelle loro redazioni locali in modo simile allo sforzo che stanno facendo i giornalisti che si impegnano a servire i bisogni delle loro comunità locali “.

###

Lo studio, “Our Company is in Survival Mode”: Metajournalistic Discourse on COVID-19’s Impact on US Community Newspapers “, è stato pubblicato sulla rivista Journalism Practice.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: