La fiducia cieca nei social media consolida le convinzioni del complotto

Secondo un nuovo studio della Washington State University, la capacità di identificare la disinformazione avvantaggia solo le persone che hanno un certo scetticismo nei confronti dei social media.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con una forte fiducia nelle informazioni trovate sui siti di social media avevano maggiori probabilità di credere alle cospirazioni, che spiegano falsamente eventi significativi come parte di un complotto segreto malvagio, anche se potevano identificare altri tipi di disinformazione. Lo studio, pubblicato sulla rivista Public Understanding of Science il 5 marzo, ha dimostrato che ciò vale per le credenze nelle teorie del complotto più vecchie e in quelle più recenti intorno a COVID-19.

“C’erano alcune buone e cattive notizie in questo studio”, ha detto Porismita Borah, professore associato presso l’Edward R. Murrow College of Communication della WSU e autore corrispondente dello studio. “La buona notizia è che sei meno suscettibile alle teorie del complotto se hai alcune capacità di alfabetizzazione mediatica, una delle quali è essere in grado di identificare la disinformazione. Ma se ti fidi ciecamente delle informazioni che trovi sui social media, quelle abilità potrebbero non essere in grado di aiutare.”

Identificare la disinformazione è solo una parte dell’alfabetizzazione mediatica, ha sottolineato Borah, e le persone potrebbero aver bisogno di un’istruzione più approfondita sui social media per evitare di cadere nelle teorie del complotto.

Per lo studio, i ricercatori hanno intervistato 760 persone reclutate tramite il sito web di crowdsourcing di Mechanical Turk di Amazon. I partecipanti erano approssimativamente divisi tra maschi e femmine, nonché democratici e repubblicani. La maggioranza, il 63,1%, utilizzava Facebook e il 47,3% Twitter quotidianamente. Hanno risposto a una serie di domande relative al livello di fiducia e utilizzo delle notizie sui social media, nonché alla capacità di identificare la disinformazione.

Ai partecipanti è stato anche chiesto di valutare la verità di diverse teorie del complotto COVID-19, come la convinzione che il virus fosse un’arma di guerra biologica sviluppata da paesi stranieri. Sono stati anche presentati con vecchie cospirazioni da valutare, come ad esempio che lo sbarco sulla luna era una bufala e che la principessa Diana è stata uccisa da un’agenzia di intelligence britannica.

I ricercatori hanno scoperto che una maggiore capacità di identificare la disinformazione ha abbassato le convinzioni in tutte le teorie del complotto, ad eccezione di coloro che avevano alti livelli di fiducia nelle informazioni sui social media. Ciò è particolarmente problematico perché altre ricerche hanno dimostrato che una volta che una convinzione di cospirazione prende piede, è molto difficile convincere il credente che è falsa.

“I modelli attorno alla fiducia sono uno dei risultati più importanti del nostro studio”, ha detto Borah. “Dobbiamo approfondire il significato di questa fiducia”.

Borah e i suoi coautori, il recente dottorato WSU. Xizhu Xiao e l’attuale dottorando Yan Su, suggeriscono che l’ideologia politica può svolgere un ruolo in questa fiducia – che le persone vogliono credere alle parole delle figure politiche che ammirano, indipendentemente dal fatto che ciò che dicono sia effettivamente vero o no. Borah ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché le teorie del complotto attirano le persone e il modo migliore per combatterle poiché possono esserci gravi conseguenze.

“Ci sono diversi livelli di pericolo con queste teorie, ma una delle convinzioni cospirative di spicco su COVID-19 è che non è vero, che il virus è una bufala e che può essere davvero pericoloso: stai mettendo te stesso, il tuo i membri della famiglia e la tua comunità sono a rischio “, ha detto Borah.

I ricercatori sostengono di rendere l’alfabetizzazione mediatica parte del sistema educativo e di avviarla ben prima del college. Sostengono che tale educazione dovrebbe includere una migliore comprensione di come le informazioni possono essere manipolate così come gli ambienti dei social media, la produzione di notizie e la diffusione.

“C’è una lunga lista di compiti da fare per tenerci ben informati”, ha detto Borah. “Penso che ci sia speranza con l’alfabetizzazione mediatica e una migliore comprensione dell’ambiente dell’informazione, ma è un processo complicato”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: