Il 90% delle giovani donne dichiara di utilizzare un filtro o di modificare le proprie foto prima di pubblicarle

Un nuovo rapporto mostra che le giovani donne si sentono sotto costante controllo e questa ansia e angoscia è stata amplificata durante la pandemia Covid-19

La professoressa Rosalind Gill, della City, il Centro di ricerca sul genere e la sessualità dell’Università di Londra, ha pubblicato oggi un nuovo rapporto in occasione della Giornata internazionale della donna.

Il rapporto – Cambiare l’immagine perfetta: smartphone, social media e pressioni sull’aspetto – si basa su una ricerca con 175 giovani donne e persone non binarie nel Regno Unito.

Coprendo una serie di questioni – esperienze di blocco, sentimenti sulla ‘positività del corpo’, come mostrare sostegno a Black Lives Matter – la ricerca documenta la rabbia persistente dei giovani con un mass media che ritengono ‘troppo bianco’, ‘troppo eterosessuale’ e troppo concentrato su definizioni molto ristrette di bellezza.

Il professor Gill ha dichiarato: “Una critica alla perfezione ha attraversato la ricerca come una traccia di basso, con i giovani che mi dicevano di sentirsi sopraffatti da immagini” troppo perfette “.

“Le donne di colore, le donne disabili e le persone non conformi di genere mi hanno detto che raramente vedono qualcuno come loro nei media”.

Il rapporto solleva questioni particolari su come gli standard di aspetto si stanno restringendo e su come le prestazioni degli smartphone (ad esempio, ingrandimento e screenshot), insieme a app di modifica e filtraggio come Facetune, stanno contribuendo a una società in cui i giovani si sentono sotto costante controllo forense da colleghi.

Il novanta per cento delle donne dichiara di utilizzare un filtro o di modificare le proprie foto prima di pubblicare per uniformare il tono della pelle, rimodellare la mascella o il naso, radersi il peso, illuminare o abbronzare la pelle e sbiancare i denti.

Le giovani donne coinvolte nello studio hanno anche descritto di vedere regolarmente pubblicità o notifiche push per procedure cosmetiche, in particolare per lo sbiancamento dei denti, i riempitivi delle labbra e la chirurgia per migliorare il sedere, il seno o il naso.

Gli algoritmi dei social media significano che, come ha detto un 21enne: “Una volta che guardi, non ti sarà mai permesso di dimenticare”.

Il professor Gill ha dichiarato: “Con quasi 100 milioni di foto pubblicate ogni giorno solo su Instagram, non siamo mai stati una società così dominata visivamente.

“La pubblicazione sui social media può produrre il piacere intenso di ‘ricevere Mi piace’ e un’attenzione riconoscente, ma è anche una fonte di enorme ansia per la maggior parte delle giovani donne.

“Sono rimasta colpita da giovani donne che mi dicevano più e più volte: ‘Mi sento giudicata’”.

Il professor Gill ha osservato che, sebbene la ricerca sarebbe stata importante in qualsiasi momento, il contesto unico della pandemia di Covid-19 e il blocco le hanno conferito una particolare urgenza.

Ha detto: “Giorno dopo giorno, sono stati pubblicati rapporti che evidenziano gli impatti devastanti sulla salute mentale della pandemia sui giovani: la loro istruzione si è improvvisamente interrotta, le loro libertà ridotte, con molti che hanno vissuto difficoltà finanziarie, difficoltà emotive o lutto.

“Questa ricerca aiuta a far luce su come un campione eterogeneo di giovani ha navigato in questo periodo difficile, oltre a offrire approfondimenti più generali sulle loro vite.

“In un certo senso, la familiarità dei giovani con gli strumenti e le piattaforme online li ha preparati meglio (rispetto ai gruppi più anziani) per il periodo di blocco in cui tanti aspetti della vita si sono trasferiti online, inclusi il lavoro, l’istruzione, i servizi psicologici e sanitari e le vite sociali.

“In altri modi, come mostra questo rapporto, hanno sperimentato una maggiore pressione e angoscia”.

La ricerca è stata finanziata dalla City, dall’Università di Londra e condotta presso il Gender and Sexualities Research Center (GSRC) nel 2020.

Il GSRC analizza il modo in cui il genere e la sessualità si intersecano con altre divisioni e identità sociali in un mondo in rapida evoluzione, promuovendo il dialogo interdisciplinare, la collaborazione e la ricerca.

Un rapporto di sintesi è stato presentato all’Inchiesta sull’immagine del corpo del Governo per le pari opportunità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: