Categorie
Soluzioni

Come misurare il successo del Content Marketing con Google Data Studio

Cerchi un modo per misurare se il tuo content marketing ha successo? Ecco come puoi utilizzare Google Data Studio per calcolare il ROI.

Il content marketing ha più successo del marketing tradizionale quando si tratta di comunicare un prodotto o un servizio online.

Infatti, circa il 26,4% degli utenti di Internet utilizzerà software di blocco degli annunci quest’anno, secondo le statistiche dalla ricerca.

Con quasi 4,57 miliardi di utenti Internet attivi, ciò equivale a molte opportunità mancate.

Perché così tante persone usano il software di blocco degli annunci?

Il motivo più comunemente citato è che i consumatori vogliono visualizzare i contenuti pertinenti senza distrazioni.

Inserisci il content marketing.

Poiché il content marketing offre alle persone ciò che vogliono leggere e non ciò che non fanno, un marchio può effettivamente connettersi con il proprio pubblico di riferimento a livello personale.

Il blocco sembra essere il costo iniziale e la confusione su come quantificare il successo.

Il content marketing è un investimento e per molte aziende ci vuole più tempo per percepire i risultati rispetto alla gratificazione istantanea di PPC.

Il costo del marketing dei contenuti varia ampiamente.

A seconda degli obiettivi e delle risorse aziendali, puoi aspettarti di spendere tra $ 5.000 per una strategia di base a $ 50.000 per una strategia globale più ampia, appropriata per un’azienda Fortune 500.

Nonostante questo prezzo iniziale, il 91% dei marketer B2B usa il content marketing.

Perché? Il content marketing non ha una data di fine: è il dono che continua a fare.

Una campagna ben progettata e ottimizzata continuerà a portare lead di qualità sul tuo sito Web per molto tempo dopo il pagamento della fattura.

In effetti, per ogni dollaro speso, il content marketing genera 3 volte i lead che otterresti con il marketing tradizionale.

La tua azienda sentirà e vedrà naturalmente i risultati di una strategia di content marketing ben progettata attraverso l’aumento dei lead e delle condivisioni social.

Essere in grado di quantificare quella sensazione in dati visivamente convincenti infonde fiducia e consente una maggiore flessibilità con le campagne future.

Ecco come misurare il successo del content marketing:

Definisci successo

Senza un obiettivo chiaramente definito, il content marketing è solo un altro canale di comunicazione da gestire.

Diventa peso – peso che né tu, la tua azienda, né i tuoi clienti hanno bisogno in questo momento.

Non creare mai contenuti per il gusto di creare contenuti o semplicemente perché pensi che sia ciò che la gente vuole leggere.

Creare contenuti perché è quello che dovresti fare sarà un enorme drenaggio di risorse e senza bruciare i tuoi scrittori.

Deve esserci un obiettivo chiaro e tale obiettivo deve essere in diretta collaborazione con il comportamento naturale del consumatore.

Ciò che definisce il successo di ogni campagna sarà diverso, tuttavia ci sono alcuni KPI solidi su cui la maggior parte delle aziende si concentra:

  • Lead generation.
  • Il coinvolgimento del cliente.
  • Visibilità del marchio.

Impostazione degli obiettivi della campagna

Lead Generation

Ora che hai definito i principali indicatori di rendimento dei tuoi contenuti, o che cosa ritieni siano un successo, dobbiamo registrare i completamenti di tali obiettivi.

Il nostro team preferisce utilizzare una combinazione di Google Analytics, Google Tag Manager e Data Studio per creare report interattivi che chiunque può visualizzare in qualsiasi momento.

Per misurare la generazione di lead, è necessario impostare un obiettivo personalizzato per ciascun modulo inviato correttamente.

Di seguito sono riportati i passaggi per impostare un nuovo obiettivo utilizzando il monitoraggio della destinazione di Google Analytics .

Creazione di un nuovo obiettivo in Google Analytics

  1. Accedi a Google Analytics.
  2. Fai clic su Amministratore.
  3. Passa alla vista desiderata:
    1. Dovrebbe filtrare qui gli IP aziendali.
  4. Nella colonna VISUALIZZA, fai clic su Obiettivi .
  5. Fai clic su + NUOVO OBIETTIVO
  6. Seleziona Personalizzato dall’elenco di opzioni.
  7. Fai clic su Passaggio successivo.
  8. Seleziona l’obiettivo Tipo: Destinazione.
  9. Destinazione: uguale a “/ campaignname_thankyou”
    1. Modificalo nella pagina di ringraziamento unica della tua campagna.
  10. Valore: assegna un valore monetario al valore di ciascun vantaggio.
  11. Fai clic su Salva.

Il coinvolgimento del cliente

Alcune campagne sono progettate per ottenere contenuti tramite i social network. Qui vorrai tracciare quanti spettatori condividono un articolo sui social media o via e-mail.

Per questa misurazione, abbiamo trovato più facile usare GTM.

Google Tag Manager (GTM) utilizza le configurazioni di trigger per attivare i tag in risposta agli eventi.

Questo metodo può essere utilizzato per impostare tag evento che vengono attivati ​​in risposta a clic su collegamenti , clic su elementi e quando un modulo viene inviato correttamente.

Ulteriori metriche da includere nel rapporto finale potrebbero essere il numero di clic dalla pagina dei risultati del motore di ricerca alle pagine di destinazione, la frequenza di rimbalzo e le pagine / sessione.

Ancora una volta, a seconda delle esigenze della strategia dei contenuti.

Rapporto sulla campagna Sample Data Studio: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.
Grafico di visibilità del marchio: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Anatomia di un rapporto di marketing dei contenuti

Per quelli di voi che non lo sanno già, Google Data Studio è come i dashboard di Google Analytics ma molto più interessante.

È uno strumento di reporting gratuito che è facile da usare, personalizzare e condividere.

Poiché nei passaggi precedenti abbiamo predisposto il monitoraggio delle conversioni, ora possiamo trasformare questi dati concreti in un rapporto interattivo accattivante a cui i membri del team possono accedere 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Rendere facile da comunicare e comprendere l’aumento della visibilità organica del marchio, il coinvolgimento degli utenti e / o i lead generati.

rapporto sulla campagna di marketing dei contenuti di studio dati di esempioRapporto sulla campagna Sample Data Studio: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Visibilità del marchio

Per comunicare la visibilità del marchio, guarda le impressioni di ricerca per le varianti delle parole chiave target della campagna e la posizione del marchio nella SERP.

grafico a barre rosse che visualizza la visibilità del marchio in un report di data studioGrafico di visibilità del marchio: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Grafico di visibilità semplice

  1. Inserisci un grafico: grafico Serie storiche.
  2. Fonte dei dati: impressioni del sito di Search Console.
  3. Dimensione: data.
  4. Metrica:
    1. Impressioni (rinominate in Visibilità).
    1. Posizione media
  5. Intervallo di date:
    1. Personalizzato: quest’anno fino ad oggi (escluso oggi).
  6. Filtra per le varianti dei termini di ricerca che stai targetizzando.
  7. Filtra per i Paesi di destinazione della tua campagna.

Ecco!

Questo grafico mostra come la campagna di content marketing sta influenzando la visibilità del marchio nella SERP per i termini chiave targetizzati senza tutto il rumore extra.

Coinvolgimento del pubblico organico

coinvolgimento del pubblico organico: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

L’obiettivo di visualizzazione n. 2 è il coinvolgimento del pubblico.

OK, quindi abbiamo la classifica dei contenuti per i termini chiave target ma i consumatori sono interessati?

Per questi dati, ci piace usare una tabella filtrata per visualizzare solo le nostre varianti di parole chiave mirate. Stiamo osservando la visibilità (impressioni) rispetto al coinvolgimento (clic).

tabella di coinvolgimento del pubblico organico table_sample report marketing contenuto studio datiTabella di coinvolgimento del pubblico organico: questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Tabella di coinvolgimento semplice

Questo è solo per la ricerca organica di Google, per estrarre i dati da motori di ricerca aggiuntivi, dovrai utilizzare un “connettore” di data studio.

  1. Inserisci un grafico: tabella.
  2. Fonte dei dati: impressioni del sito di Search Console.
  3. Dimensione: query.
  4. Metrica:
    1. Impressioni (rinominate in Visibilità).
    1. Clic (rinominati in Engagement).
    1. Includi il confronto per osservare le tendenze stagionali.
  5. Intervallo di date:
    1. Personalizzato: quest’anno fino ad oggi (escluso oggi).
  6. Filtra per le varianti dei termini di ricerca che stai targetizzando.
  7. Filtra per i Paesi di destinazione della tua campagna.

Lead Generation

Ho salvato il meglio per ultimo.

Questa tabella è il punto in cui entrano in gioco i nostri precedenti obiettivi di impostazione (KPI) in Google Analytics e di assegnazione di valori.

La tabella di generazione dei lead mostra:

  • Quanti utenti stanno navigando verso le nuove pagine di contenuti.
  • Quanti obiettivi sono stati completati per pagina.
  • Qual è il valore monetario di quella campagna di contenuti.

lead gen tramite report sulla pagina di destinazione in una tabella di data studioLead Generation by Landing Page Table: Questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Lead Generation by Landing Page Table: Questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Tabella dei valori della pagina di destinazione

  1. Inserisci un grafico: tabella.
  2. Fonte dei dati: visualizzazione filtrata dei dati di Google Analytics.
  3. Dimensione: Pagina di destinazione.
  4. Metrica:
    1. Utenti.
    1. Obiettivi (selezionare gli obiettivi specifici per questa campagna).
    1. Valore obiettivo.
  5. Mostra riga di riepilogo.
  6. Ordina per utenti, obiettivi o valore obiettivo.
  7. Intervallo di date:
    1. Personalizzato: quest’anno fino ad oggi (escluso oggi).
  8. Filtro per URL della campagna di contenuti.

Riepilogo del successo di Content Marketing

Nella parte superiore del rapporto di marketing dei contenuti, evidenzia le principali vittorie per un’istantanea di alto livello:

Cerca impressioni di query.

  • Clic URL.
  • Pagine per sessione.
  • Completamenti obiettivo.
  • Valore obiettivo.

intestazione del rapporto di marketing dei contenuti di studio dati rosso e grigioQuesta immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Le possibilità in Data Studio sono infinite.

Diventa ancora più interessante quando inizi ad aggiungere conversioni con assistenza MCF per mostrare quali LP hanno contribuito a tutte le conversioni.

ROI di Content Marketing

Il ROI del content marketing sembra difficile perché le campagne possono protrarsi per mesi e i lead generati continuano molto tempo dopo.

Il ritorno sull’investimento viene calcolato dividendo il valore obiettivo per il costo dell’implementazione del marketing dei contenuti: strategia, autori, ottimizzazione dei motori di ricerca, gestione, ecc.

Questa immagine utilizza i dati di esempio forniti da Google per proteggere la privacy dei nostri partner.

Investimento contenuto

Innanzitutto, devi conoscere il costo del tuo investimento. Aggiungi le spese per ogni passaggio coinvolto nella creazione, lancio e creazione di rapporti su una campagna.

Per esempio:

  • Strategia di campagna di $ 3.000.
  • $ 5.000 per 4 articoli, 1 landing page e 1 scaricabile o quiz.
  • Ottimizzazione del motore di ricerca di $ 2.000 + rapporti.

Investimento totale nel marketing dei contenuti = $ 10.000 per campagna

Ora calcoliamo il ritorno.

Return on Content Marketing

Annota la percentuale media di lead (o download) che si trasformano in una vendita. E qual è il valore a vita di quella partnership.

In altre parole, qual è il margine di profitto del consumatore medio nel corso della loro relazione con la tua azienda?

Numero di clienti Esempio:

  • Traffico mensile medio della campagna: 5.000
  • Tasso di conversione da condurre: 2%
    • 100 derivazioni
  • Tasso di conversione di chiusura (portare alla vendita): 2%
  • Clienti attribuiti alla campagna al mese: 2

Esempio di valore della vita del cliente:

  • Il contratto medio con i clienti è di $ 90.000
  • Durata media X (3 anni) = $ 270.000
  • Il margine di profitto per cliente è del 15%
  • Il valore medio di vita dei clienti è di $ 40.500

Profitto previsto:

  • CLV x # di nuovi clienti = $ 81.000

Formula ROI di Content Marketing

Il ROI del content marketing può essere calcolato moltiplicando il valore della durata del cliente per il numero di nuovi clienti al mese meno il costo dell’investimento diviso per il costo dell’investimento.

Esempio Continua:

($ 40.500 x 2) – $ 10.000 / $ 10.000

($ 81.000 – $ 10.000) / $ 10.000

$ 71.000 / $ 10.000 = 7,1

Il ROI per questo esempio di campagna di content marketing è del 710%.

In quanto tempo puoi aspettarti di vedere il ritorno?

La velocità con cui inizierai a vedere un ritorno sull’investimento nel marketing dei contenuti varia in base al traffico verso le tue landing page, all’ottimizzazione del tasso di conversione e ai tassi di chiusura del team di vendita.

Quando le strategie di contenuto sono intenzionali e basate su una solida analisi del pubblico, puoi iniziare a vedere i risultati già dopo due settimane di indicizzazione.

Sei arrivato a questo articolo alla ricerca di un modo per misurare il successo del marketing dei contenuti e hai lasciato alcune idee per comunicare l’efficacia e il ritorno sugli investimenti, aiutando i membri del consiglio a prendere decisioni chiare su dove spendere le risorse di marketing.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.