Categorie
Soluzioni

Neuromarketing e noprofit

Esiste una forte concorrenza tra le organizzazioni senza scopo di lucro quando si tratta di raccolta fondi negli Stati Uniti, in Italia, nel mondo. Ci sono più di 1,5 milioni di organizzazioni senza scopo di lucro esenti dalle tasse e molte devono competere per l’attenzione del pubblico e delle donazioni. Pertanto, non sorprende che le organizzazioni no profit siano costantemente alla ricerca di nuove ed efficaci tattiche di marketing per offrire loro un vantaggio rispetto ai concorrenti.

Fortunatamente, esiste un approccio unico che le organizzazioni non profit possono utilizzare per comprendere meglio le loro prospettive, incoraggiando al contempo i potenziali clienti ad agire e contribuire effettivamente alla propria organizzazione. Questo approccio si chiama neuromarketing 

Il neuromarketing si basa sulle intuizioni della psicologia e delle neuroscienze, aiutando le organizzazioni a conoscere il proprio pubblico e ad apprendere i migliori approcci motivazionali per incoraggiare il dare.

Grazie al neuromarketing, le organizzazioni possono promuovere i loro marchi in base al modo in cui funzionano i cervelli del pubblico di destinazione. Grazie a tecnologie come EEG e fMRI, gli scienziati imparano di più sulle caratteristiche della nostra percezione e le organizzazioni no profit possono utilizzare queste informazioni per elaborare le tattiche di marketing più efficaci.

Neuromarketing: come funziona?

Le persone di solito pensano che tutte le loro decisioni siano basate sulla logica. Tuttavia, la verità è che fino al 95% delle decisioni prese dalle aziende sono il risultato di processi inconsci. Le persone imparano dalle loro esperienze e il nostro cervello calcola rapidamente il rapporto tra ricompensa e rischio. Questa non è una brutta cosa. Questo approccio ci consente di apprendere e migliorare il nostro processo decisionale individuale con il tempo. Tuttavia, a volte prendere decisioni basate sulle nostre esperienze precedenti ci impedisce di tenere conto di tutti i dettagli di una situazione particolare.

Il neuromarketing aiuta a risolvere questo problema e la sua efficacia si basa sull’utilizzo di “trigger attivi”. I trigger caldi sono tecniche che obbligano il pubblico a intraprendere le azioni necessarie, ad esempio dichiarazioni che fanno appello alle emozioni del pubblico. Questo approccio proattivo viene spesso utilizzato nelle informazioni commerciali, motivando il pubblico ad acquistare nuovamente i prodotti. Tuttavia, ciò non significa che il neuromarketing possa essere utilizzato solo dai venditori. Se hai un’organizzazione no profit, puoi impiegare il neuromarketing per aumentare anche le donazioni mensili.

Strategie efficaci di neuromarketing

Il neuromarketing può aiutare le organizzazioni no profit a costruire la propria base di donatori con tre fattori chiave: personale, legittimo e pertinente.

  1. La tua causa dovrebbe essere personale. Fai sentire al tuo pubblico una connessione emotiva con gli obiettivi della tua organizzazione. Il tuo pubblico dovrebbe anche comprendere il loro impatto sulla causa e il valore del loro contributo.
  2. La tua causa dovrebbe anche essere percepita dal pubblico come legittima. I donatori vogliono sapere esattamente a cosa servono i loro soldi.
  3. Sia la causa che la tua campagna dovrebbero essere pertinenti. Dopo aver dimostrato che la tua causa è legittima e instaurato relazioni efficaci con i donatori, dovresti continuare a costruire le tue campagne sulla base di tali relazioni.

Su cosa dovresti concentrarti

  • Messaggistica incentrata sui donatori: per utilizzare con successo il neuromarketing, le organizzazioni senza scopo di lucro dovrebbero principalmente concentrare il proprio messaggio sui donatori, non sull’associazione stessa. Invece di concentrarti su ciò che la tua organizzazione è riuscita a raggiungere, esplora i modi in cui ciascun donatore contribuisce al raggiungimento degli obiettivi comuni. Pertanto, dovresti assicurarti che la tua copia soddisfi questi obiettivi.
  • Ricompense: quando si cercano donatori per un’organizzazione non profit, è importante offrire i giusti premi. Ad esempio, puoi offrire premi sotto forma di presentazioni dedicate al modo in cui è stata utilizzata la donazione dei donatori. Puoi anche invitare i donatori in club speciali. Dato che il cervello calcola i costi rispetto ai premi, offrire qualcosa in cambio sicuramente aiuterà i potenziali donatori a prendere la decisione giusta.
  • Limiti di tempo: un altro modo per innescare il cervello è quello di impostare limiti di tempo. Se indichi chiaramente che i tuoi obiettivi devono essere raggiunti entro un certo periodo di tempo, il costo della mancata partecipazione aumenterà. Un senso di urgenza motiverà le persone a fare rapidamente donazioni.

Autore Bio

Frank Hamilton ha lavorato come editore presso il servizio di recensione  Online Writers Rating . È un esperto di scrittura professionale in argomenti come blog, marketing digitale e autoeducazione. Ama anche viaggiare e parla spagnolo, francese, tedesco e inglese.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.