Categorie
PR

La rete di segnali psicologici può indurre le persone a rivelare di più online

Mentre la maggior parte delle persone afferma di essere estremamente preoccupata per la propria privacy online, esperimenti precedenti hanno dimostrato che, in pratica, gli utenti divulgano prontamente informazioni sulla privacy online.

In uno studio pubblicato su Proceedings of Computer-Human Interaction (CHI 2020), un team di ricercatori di Penn State ha identificato una dozzina di ragioni sottili ma potenti che potrebbero far luce sul perché le persone non fanno un buon gioco sulla privacy, e non riescono a dare seguito alla vita reale.

“La maggior parte delle persone ti dirà che sono piuttosto preoccupati per la loro privacy online e che prendono precauzioni, come cambiare le loro password”, ha detto S. Shyam Sundar, James P. Jimirro, professore di effetti mediatici e comunicazione presso il Donald P. Bellisario College di e condirettore del Media Effects Research Laboratory.

“Ma, in realtà, se guardi davvero a ciò che le persone fanno online e sui social media, tendono a rivelare troppo. Ciò che pensiamo stia accadendo è che le persone facciano rivelazioni nel vivo del momento cadendo in cerca di suggerimenti contestuali che appaiono su un’interfaccia “.

Sundar, che è anche una consociata dell’Istituto per le scienze computazionali e dei dati (ICDS) di Penn State, ha affermato che alcuni segnali analizzati dai ricercatori hanno aumentato in modo significativo la possibilità che le persone consegnino informazioni private come numeri di previdenza sociale o numeri di telefono. Gli spunti sfruttano le credenze preesistenti comuni su autorità, carrozzoni burocratici, reciprocità, senso di comunità, costruzione di comunità, autoconservazione, controllo, gratificazione istantanea, trasparenza, meccanismi, pubblicità e mobilità.

“Quello che abbiamo fatto in questo studio è identificare 12 diversi tipi di appelli che influenzano le persone a rivelare informazioni online”, ha detto Sundar. “Questi appelli si basano su regole empiriche che tutti noi teniamo nella nostra testa, chiamate euristiche.”

Ad esempio, la regola empirica che “se la maggior parte degli altri rivela le loro informazioni, allora è sicuro che anche io lo sveli” è etichettata “euristica del carrozzone” dallo studio.

“Esistono sicuramente più di 12 euristiche, ma queste sono quelle dominanti che svolgono un ruolo importante nella divulgazione della privacy”, ha aggiunto Sundar, che ha lavorato con Mary Beth Rosson, professoressa responsabile per l’interazione umana con il computer e direttrice di corsi di laurea presso il College of Information Sciences and Technology.

I ricercatori spiegano che l’euristica è una scorciatoia mentale che potrebbe essere innescate da segnali su un sito Web o un’app mobile.

“Questi segnali potrebbero non essere sempre ovvi”, secondo Rosson. “L’indicazione del carrozzone, ad esempio, può essere semplice come una dichiarazione che viene aggiunta a un sito Web o a un’app per richiedere la divulgazione di informazioni”, ha aggiunto.

“Ad esempio, quando vai su LinkedIn e vedi un’affermazione che dice che il tuo profilo è incompleto e che il 70% delle tue connessioni ha completato i loro profili, questo è un segnale che fa scattare la necessità di seguire gli altri – ed è ciò che chiamiamo un effetto carrozzone “, ha detto Sundar. “Abbiamo scoperto che quelli con una forte convinzione preesistente in” euristico carrozzone “avevano maggiori probabilità di rivelare informazioni personali in un simile scenario.”

Per quanto riguarda l’autorità, Rosson ha affermato che un grafico che segnala che il sito è supervisionato da un’autorità fidata può mettere le persone a proprio agio nel consegnare informazioni private all’azienda.

“La presenza di un logo di un’agenzia di fiducia come FDIC o anche di una semplice icona che mostra un lucchetto può far sentire gli utenti del banking online sicuri, e far loro sentire che da qualche parte qualcuno si prende cura della sicurezza”, ha detto Rosson.

I ricercatori hanno affermato che la fiducia radicata nell’autorità, o ciò che chiamano “autorità euristica”, è la ragione per la divulgazione di informazioni personali in tali scenari.

“Quando sono stati intervistati, i nostri partecipanti allo studio hanno attribuito la loro divulgazione della privacy agli spunti più spesso di altri motivi”, ha detto Sundar.

La consapevolezza dei principali spunti che predano le regole empiriche comuni può rendere le persone più esperte degli utenti Web e aiutarle a evitare di mettere le loro informazioni private nelle mani sbagliate.

“Il numero uno dei motivi per fare questo studio è l’aumentata alfabetizzazione mediatica tra gli utenti online”, ha detto Sundar.

Ha aggiunto che i risultati potrebbero anche essere utilizzati per creare avvisi gli utenti quando incontrano questi segnali.

“Le persone vogliono fare la cosa giusta e vogliono proteggere la loro privacy, ma nel fervore del momento online, sono influenzate da questi segnali contestuali”, ha detto Rosson. “Un modo per evitarlo è introdurre allarmi “giusto in tempo”. Proprio mentre gli utenti stanno per rivelare informazioni, sul sito potrebbe apparire un avviso e chiedere loro se sono sicuri di volerlo fare. concedi loro una pausa per pensare a quella transazione “, ha aggiunto.

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 786 persone per partecipare a un sondaggio online. Ai partecipanti è stato quindi chiesto di rivedere 12 scenari che potevano incontrare online e di valutare la loro disponibilità a divulgare informazioni personali in base a ciascuno scenario.

Per garantire che il campione fosse rappresentativo a livello nazionale, i partecipanti sono stati scelti in modo tale che i loro dati demografici fossero coerenti con le statistiche fornite dall’Ufficio censimento degli Stati Uniti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.