Categorie
Social

Un nuovo studio evidenzia che le celebrità sono i distributori chiave della disinformazione sul COVID-19 nei social media

In una scoperta al contempo sorprendente, ma allo stesso tempo istruttiva, un nuovo rapporto del Reuters Institute ha rilevato che celebrità e politici svolgono un ruolo chiave nel diffondere la disinformazione sul COVID-19 nei social media, anche se la loro relativa partecipazione alla discussione è molto piccola, rispetto alla conversazione generale.

Il team di Reuters ha studiato 225 messaggi sociali dei media  che sono stati pubblicati tra gennaio e marzo , e  sono stati classificati come ‘false’ o ‘fuorvianti’ da FACT-dama. Sulla base di questo set di dati, i ricercatori hanno cercato di scoprire come la disinformazione si sta diffondendo sui social, quali tipi di disinformazione vengono condivise e come le piattaforme stesse rispondono.

Ecco cosa mostrano i dati:

Prima di tutto, il team Reuters ha scoperto che il tipo più comune di disinformazione COVID-19 condivisa è materiale “riconfigurato” – o essenzialmente, una torsione della verità, al contrario di una vera bugia o incomprensione. 

Il team di Reuters ha fornito questo esempio di contenuto riconfigurato:

“Un post molto condiviso ha offerto consulenza medica dallo zio di qualcuno, combinando informazioni accurate e imprecise su come trattare e prevenire la diffusione del virus. Mentre alcuni dei consigli, come lavarsi le mani, si allineano al consenso medico, altri suggerimenti non lo fanno. Ad esempio, il pezzo afferma: “Questo nuovo virus non è resistente al calore e sarà ucciso da una temperatura di soli 26/27 gradi. Odia il sole”. Mentre il calore ucciderà il virus, 27 gradi Celsius non sono abbastanza alti per farlo. “

Reuters rileva inoltre che i falsi contenuti – quali le immagini etichettate come qualcosa che non sono – rientrano anche nella categoria “contenuti riconfigurati”, così come le immagini manipolate, sebbene i ricercatori notino che non hanno trovato esempi di falsi profondi nel loro set di campioni, nonostante le preoccupazioni più recenti sull’aumento dei contenuti modificati digitalmente.  

Come puoi vedere qui, le informazioni riconfigurate rappresentavano circa il 59% di tutte le informazioni errate condivise, il che, in qualche modo, è positivo, considerando il suo probabilmente un aspetto meno dannoso delle false informazioni COVID-19.

Tuttavia, la  disinformazione che è stata completamente fabbricata costituiva il 38% dei post nel set. Questi post sono sforzi deliberati e mirati per condividere informazioni screditate, ridimensionate e fuorvianti, che possono avere conseguenze importanti, motivo per cui ogni piattaforma ha intensificato gli sforzi per rimuovere tali post dalle proprie reti.

In termini di come questo tipo di disinformazione viene condiviso, i ricercatori hanno scoperto che gli utenti di alto profilo svolgono un ruolo chiave sia nella convalida che nella diffusione di false dichiarazioni. 

Varie celebrità, politici e altri personaggi pubblici hanno ricondiviso teorie ingannevoli e informazioni fuorvianti – ad esempio, l’attore Woody Harrelson ha recentemente condiviso un post che ha delineato la teoria ampiamente screditata secondo cui le torri di trasmissione 5G hanno contribuito alla diffusione di COVID-19.

Come nel caso dell’influencer marketing, la portata e la posizione di questi personaggi pubblici amplifica notevolmente la loro messaggistica. Di conseguenza, il team Reuters ha scoperto che i post di utenti di alto profilo rappresentavano il 69% dell’impegno totale con rapporti fuorvianti. 

Allo stesso tempo, come puoi vedere qui, questi eminenti utenti hanno contribuito solo al 20% dei post totali che condividono affermazioni false.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.